Advanced
Cerca Fisioterapista
  1. Home
  2. Osteopatia
Osteopatia

Osteopatia

Osteopatia: obiettivi, diagnosi, tecniche di manovre e manipolazioni

Prima di approfondire il nostro focus dedicato all’Osteopatia, facciamo una premessa importante.

L’Osteopata ha una visione olistica dell’organismo. Il corpo umano è Uno: un disturbo che coinvolge un solo organo è destinato ad alterare altre aree dell’organismo.

Facciamo un esempio. Un disturbo all’intestino (viscerale) o un vizio posturale può provocare mal di schiena o altri dolori muscolo-scheletrici. L’origine di una sintomatologia dolorosa può trovarsi lontano dalla zona in cui si avverte il dolore.

L’Osteopata interviene su svariati disturbi e patologie. Esegue una propria indagine diagnostica, diversa da quella classica. Il suo interesse è orientato non sul disturbo in sé ma sulla principale causa  del problema allo scopo di ristabilire l’armonia e la salute di tutto il corpo.

L’obiettivo dell’Osteopata

L’obiettivo dell’Osteopatia, indipendentemente dal singolo disturbo, è quello di ripristinare l’equilibrio a livello di visceri, articolazioni e fasci muscolari.

L’Osteopata esegue il suo esame diagnostico manualmente In base alla sua valutazione, pianificherà ed eseguirà il trattamento manuale più adeguato.

La singolare terapia manuale eseguita da questo specialista, complementare alla medicina classica, interviene sulla causa, non sui sintomi.

Possono sottoporsi a trattamento osteopatico persone di tutte le età (anche la donna in dolce attesa o il neonato).

Il Corpo è Uno. Per curare una disfunzione, è necessario ristabilire l’armonia in tutto il corpo. Ognuno di noi è un essere unico. L’Osteopatia conferma una regola fondamentale e moderna della Fisioterapia: il trattamento deve essere personalizzato perché ognuno di noi è un essere unico.

Osteopatia: perché stai cercando informazioni su questa terapia?

Sono sempre più numerose le persone che, dopo essere passate da un medico all’altro, decidono di rivolgersi ad un Osteopata. Perché?

La gente è stanca di illudersi con i farmaci, di sperare che, curando semplicemente i sintomi, un disturbo o una patologia si risolva da sé.

Lo chiediamo anche a te. Perché stai leggendo questo articolo? Cosa ti ha spinto ad informarti per saperne di più sull’Osteopatia? Perché ti rivolgerai all’Osteopata?

Forse, te l’ha consigliato un amico che ha ottenuto risultati concreti? Ti sei informato? Hai bisogno di sapere cosa fa esattamente l’Osteopata, quali patologie cura e quali sono i risultati che può raggiungere?

Ti aiutiamo noi a scoprirlo. almeno in teoria. A livello pratico, lo scoprirai direttamente quando avrai recuperato benessere e salute grazie a questo specialista.

Osteopata: indicazioni, cosa cura

Il trattamento osteopatico interviene su diversi disturbi e patologie:

  • Artrosi, artrite;
  • Problemi meccanici o strutturali del sistema muscolo-scheletrico;
  • Lombalgia;
  • Cervicalgia;
  • Sciatalgia;
  • Disturbi a livello dei visceri;
  • Ernia discale;
  • Sindrome da stanchezza cronica;
  • Lesioni dovute a overuse e sovraccarico;
  • Problemi strutturali e meccanici dell’apparato muscolo-scheletrico;
  • Dolori muscolo-articolari derivanti da eventi traumatici;
  • Posture errate;
  • Otite;
  • Problemi a livello cranio-sacrale;
  • Disturbi dell’equilibrio;
  • Cefalee, nevralgie;
  • Amenorrea, problemi ginecologici;
  • Otite;
  • Sinusite;
  • Asma;
  • Disturbi digestivi;
  • Problemi respiratori e diaframmatici;
  • Ansia;
  • Stipsi.

La diagnosi dell’Osteopata

La prima visita osteopatica prevede:

– l’anamnesi;

– l’esame obiettivo osteopatico;

– l’osservazione e la valutazione di esami medici e diagnostico-strumentali.

Attraverso la sua diagnosi lOsteopata procederà con la valutazione dello stato di salute del paziente ed eventuali disturbi. Gli servirà per programmare un trattamento terapeutico adeguato e personalizzato.

L’Osteopata verifica precedenti traumi o malattie che, col passare del tempo, potrebbero aver causato il disturbo attuale responsabile del dolore.

La visita dello specialista include specifici test che, uniti a quelli eseguiti dall’ortopedico, restituiranno un quadro complessivo ed esauriente dello stato del paziente.

Osteopatia: tecniche e trattamenti

Esiste una differenza sostanziale tra Fisioterapia e Osteopatia. La prima dà un’importanza prioritaria al sistema nervoso e punta soprattutto sulla manipolazione vertebrale, mentre l’Osteopatia attribuisce un ruolo fondamentale al sistema circolatorio considerando anche gli organi viscerali.

Manovre e manipolazioni eseguite dall’Osteopata servono sia in fase di diagnosi sia durante la terapia manuale.

I trattamenti osteopatici includono diversi tipi di manipolazione:

  • Strutturale, indicata per disfunzioni muscolo-scheletriche e osteo-articolari. Le manipolazioni articolari servono a correggere le posizioni spaziali delle articolazioni che hanno una particolare influenza meccanica e neurologica;
  • Viscerale, che punta a ristabilire motilità e mobilità di un organo (dal diaframma al colon). Serve a stimolare un organo a funzionare in modo corretto;
  • Fasciale, che comprende manipolazioni tanto superficiali quanto importanti. La fascia avvolge muscoli, tendini, ossa, legamenti e visceri: una sua disfunzione può provocare dolori e disturbi a tutti i livelli;
  • Craniale, che agisce a livello osseo, nervoso, meningeo e del liquor (liquido cefalorachidiano). Stimola la vitalità dell’organismo ed interviene su alterazioni del sistema simpatico (panico, ansia, depressione).

Manovre e manipolazioni di rilasciamento muscolare e articolare con azione meccanica e biochimica possono essere eseguite, a seconda delle necessità, in modo dolce o intenso.

Osteopatia: durata del trattamento

Il primo trattamento di tipo diagnostico dura circa 50 minuti.

L’Osteopata esperto è in grado di curare un disturbo in poche sedute intervenendo sulla causa. Non si limita, come abbiamo più volte accennato, alla cura di sintomi destinati a ripresentarsi.

Non dovrai assumere alcun farmaco, risparmierai tempo e ci guadagnerai doppiamente in salute.

Di solito. le prime sedute sono a cadenza bisettimanale, poi una volta alla settimana, fino ad arrivare ad una volta ogni 15 giorni ed una volta al mese.

Al termine del trattamento, l’Osteopata ti darà consigli preziosi su uno stile di vita corretto da seguire, la postura da assumere, esercizi da svolgere a casa per mantenere il tuo stato di benessere evitando recidive.

 

  • Condividi:

Lascia Commento