Advanced
Cerca Fisioterapista

Tutto quello che devi sapere sul Gomito

Anatomia

Il gomito è l’articolazione dell’arto superiore che collega braccio e avambraccio.

Lo scheletro del gomito è formato da 3 ossa: l’estremità inferiore dell’omero (con due prominenze ossee, ovvero l’epicondilo e l’epitroclea), l’estremità superiore del radio e l’estremità superiore dell’ulna.

Viene citata come un’unica articolazione; in realtà si possono distinguere tre differenti articolazioni accomunate da un’unica capsula ed una sola cavità articolare.

Le tre diverse articolazioni che costituiscono il gomito sono:

  • articolazione omero-radiale, localizzata tra il condilo dell’omero e la fossetta del capitello del radio;
  • articolazione omero-ulnare, posta fra la troclea dell’omero e l’incisura semilunare dell’ulna. Permette i movimenti di flessione ed estensione;
  • articolazione radio-ulnare prossimale, che si trova fra la circonferenza articolare del capitello del radio e l’incisura radiale dell’ulna. Consente la pronosupinazione della mano.

Queste tre articolazioni sono unite tra loro dalla capsula articolare (un manicotto fibroso) rinforzata ai lati dal legamento collaterale esterno e dal legamento collaterale interno.

I muscoli che si inseriscono a livello del gomito sono:

– i muscoli epicondiloidei, che consentono i movimenti di estensione delle dita e del polso;

– i muscoli epitrocleari, che permettono i movimenti di pronazione (rotazione dell’avambraccio) e di flessione delle dita e del polso;

– il bicipite brachiale, che consente il movimento di flessione del gomito e di supinazione dell’avambraccio, ed il tricipite brachiale che permette il movimento di estensione del gomito.

Funzione

Un gomito sufficientemente stabile consente alla mano di raggiungere con precisione numerose posizioni nello spazio per compiere tutte le attività quotidiane.

Articoli di approfondimento