Advanced
Cerca Fisioterapista

Tutto quello che devi sapere sulla Mano

Anatomia

La mano si trova all’estremità distale del braccio, collegata ad esso tramite il polso. E’ composta dal metacarpo (la porzione più ampia) e 5 dita (pollice, indice, medio, anulare e mignolo).

La mano è composta da 27 ossa suddivise in:

carpo che costituisce il polso, formato da 8 ossa brevi divise in due file;

metacarpo, composto da 5 ossa lunghe;

falangi che formano le dita e presentano 14 ossa. Ogni dito è formato da 3 falangi, ad eccezione del pollice che ne ha 2;

ossa sesamoidi, ovvero 4 ossa che compongono i tendini dei muscoli del pollice, dell’indice e del mignolo.

Funzione

La flessione ed opposizione delle dita sul metacarpo conferiscono alla mano l’abilità prensile, tipica dei primati, che consente di prendere gli oggetti. Le dita della mano sono la parte più predisposta al senso tattile.

La mano aperta (estesa) presenta, in posizione ortostatica, una superficie anteriore (palmo, palma, superficie palmare) ed una posteriore (dorso). Il palmo della mano presenta sul metacarpo 3 linee profonde sulla cute, fin dalla nascita. Queste linee seguono i margini di due rilievi muscolari: eminenza tenar (alla base del pollice) ed eminenza ipotenar (alla base del mignolo).

La mano chiusa (pugno) non rende visibile il palmo, mentre sul dorso compaiono tendini e nocche che corrispondono alle ossa metacarpali.

Il dorso della mano presenta rilievi longitudinali dei tendini del muscolo estensore comune delle dita. Nella parte laterale del dorso, i muscoli estensori del pollice delineano una fossetta (ben visibile a pollice abdotto ed esteso): si chiama fossetta radiale o tabacchiera anatomica.

La mano è la maggior rappresentante del senso tattile.