Advanced
Cerca Fisioterapista

Tutto quello che devi sapere sulla Spalla

Anatomia

L’articolazione della spalla è costituita da tre ossa:

  • clavicola, un osso pari come la scapola. Si presenta come un osso di media lunghezza collegato nella sua parte esterna alla scapola e all’omero e nella parte interna allo sterno (osso centrale della gabbia toracica). La sua funzione è quella di sostenere i muscoli e l’articolazione della spalla;
  • scapola costituita da due ossa piatte e di forma triangolare, posta nella parte alta della schiena. Ha la funzione di fornire protezione e resistenza al dorso e consentire (grazie alla sua grande mobilità) i movimenti di adduzione e abduzione. Riveste un ruolo fondamentale nel movimento di rotazione del braccio attorno al centro costituito dalla spalla;
  • parte prossimale dell’omero (osso del braccio superiore), che si articola con la clavicola e la scapola all’altezza della spalla. L’omero è essenziale per il moto del cingolo scapolare, in quanto contribuisce maggiormente ai movimenti citati in precedenza.

Completano l’articolazione della spalla i muscoli, legamenti e tendini localizzati in questa area del corpo.

Tali elementi sono collegati da una fitta serie di articolazioni (tra cui quella acromioclavicolare e scapolo-omerale).

Funzione

I principali muscoli presenti nel cingolo scapolare sono il trapezio, l’infraspinato, il grande pettorale.

Il deltoide si unisce alla scapola, clavicola e omero e consente al braccio di compiere i movimenti di abduzione e adduzione. Il movimento di rotazione è dato dall’azione coordinata di deltoide, infraspinato e grande pettorale.

Il muscolo sopraspinato consente movimenti di abduzione e rotazione esterna dell’omero, mentre il sottoscapolare permette l’adduzione e la rotazione interna dell’omero.

Il piccolo rotondo consente movimenti di rotazione esterna, estensione e adduzione dell’omero, mentre il grande rotondo i movimenti di adduzione, estensione e rotazione interna dell’omero.