Advanced
Cerca Fisioterapista
  1. Home
  2. Postura corretta al PC
Postura corretta al PC

Postura corretta al PC

Postura e PC: vanno d’accordo?

La nostra vita quotidiana e le nostre attività lavorative sono scandite dallo svolgimento di una serie di azioni e gesti ripetitivi e frequenti che spesso ci costringono ad assumere degli atteggiamenti posturali errati, che col passare del tempo se sottovalutati o ignorati possono determinare una serie di conseguenze muscolo-scheletriche non indifferenti.

Nello specifico in questo articolo analizzeremo le conseguenze di errata postura, che si possono scatenare in tutti quei soggetti che per lavoro, o per altro sono costretti a stare seduti al PC per parecchie ore al giorno, per poi illustrare una serie di accorgimenti e consigli utili per assumere una postura più corretta per prevenirle.

Conseguenze di un’errata postura

postura corretta al pc

Assumere quotidianamente una postura scorretta per molte ore, può innescare la comparsa di processi infiammatori, può influenzare negativamente la circolazione sanguigna, può provocare sollecitazioni e tensioni muscolari innaturali che possono essere causa di disfunzioni muscolo-scheletriche e dolore.

Una postura scorretta al PC oltre che a generare asimmetrie, può causare:

  • Sintomi dolorosi al tratto cervicale spesso associati a cefalea (il sovraccarico muscolare, soprattutto a cui è sottoposto il tratto cervicale, crea importanti tensioni muscolari)
  • Sintomi dolorosi alle spalle, soprattutto localizzati a livello scapolare
  • Tensioni muscolari (soprattutto localizzate sui trapezi)
  • Sintomi dolorosi ai gomiti, ai polsi alle mani
  • Tendinopatie: tenosinovite di De Quervain (infiammazione della guaina muscolare dei muscoli estensore breve e adduttore lungo del pollice), patologia periarticolare alla spalla (patologia dei muscoli della cuffia dei rotatori della spalla caratterizzata da un processo degenerativo che colpisce il tendine del sovraspinoso), epicondilite (infiammazione dei muscoli epicondiloidei).
  • Capsulite adesiva o spalla congelata (infiammazione fibrosante dell’articolazione gleno-omerale)
  • Compressione discale del rachide cervicale, che può accelerare il fisiologico processo degenerativo fibro-cartilagineo)
  • L’errata postura può creare meccanismi di compressione alle strutture nervose periferiche con conseguente comparsa di formicolii, intorpidimento alla spalla al braccio fino ad irradiarsi alla mano (l’utilizzo continuo del mouse può favorire lo svilupparsi di una sindrome del Tunnel Carpale)

Guida ad una postura perfetta al PC

postura al pc

Per assumere e mantenere una postura corretta davanti al PC è fondamentale che l’ambiente di lavoro sia modificabile alla persona (ergonomico). Piccoli accorgimenti sono in grado di prevenire quei sovraccarichi funzionali che possono a lungo andare provocare importanti disfunzioni muscolo-scheletriche.

Molti studi dimostrano e consigliano:

  1. Sedia provvista di braccioli: che si può regolare facilmente, consentendo di modificare l’altezza, la posizione posteriore e l’inclinazione, in modo da avere i piedi ben poggiati al suolo con le ginocchia flesse a 90°. (La postura con le gambe accavallate è da evitare assolutamente in quanto genera delle importanti asimmetrie con conseguenti sovraccarichi)
  2. Piano di lavoro/scrivania: l’altezza (più o meno tra i 70-75 cm) dovrebbe consentire di poggiare gli avambracci e i gomiti devono formare un angolo di 90° (braccio forma una L)
  3. Tastiera e mouse: devono essere posizionati ad una distanza che possa consentire agli avambracci di poggiare sul piano di lavoro (si può anche utilizzare un poggia polsi per mantenere i polsi dritti); il mouse va posizionato il più vicino possibile al soggetto, più il mouse è vicino alla tastiera più si riduce il sovraccarico ai polsi e al braccio
  4. Monitor: va posizionato all’altezza degli occhi e ad una distanza pari a circa 60-90 cm (un braccio), per evitare al collo di flettersi in avanti
  5. Impiego di supporti ergonomici, che possono rendere più confortevole la postura: poggiapiedi, supporti lombari (anche un semplice cuscino), poggia polsi, cuscino ergonomico per la seduta

Importante durante questa particolare postura, effettuare delle pause regolari (stare seduti per parecchie ore è sconsigliato), pertanto è necessario per per prevenire queste condizioni effettuare delle pause brevi e frequenti per rilassare i muscoli in sovraccarico, di 15 minuti ogni 60 minuti di lavoro.

 

  • Condividi:

Lascia Commento